APPELLO AI SINDACI DELLA CIOCIARIA
8 marzo 2012

APPELLO AI SINDACI DELLA CIOCIARIA

 

Con una lettera inviata a tutti i Sindaci della provincia di Frosinone, la Coldiretti di Frosinone ha chiesto, in relazione all’IMU, di dimezzare l’aliquota prevista per i fabbricati rurali e di ridurre sensibilmente l’aliquota prevista per i terreni agricoli.
Il recente provvedimento legislativo approvato dal Parlamento riguardante “Disposizioni urgenti per la crescita l’equità e il consolidamento dei conti pubblici”, contiene una serie di misure di grande impatto economico-finanziari per i cittadini e le imprese del nostro paese – hanno scritto a tutti i primi cittadini ciociari Loris Benacquista e Paolo De Cesare, rispettivamente presidente e direttore della Coldiretti ciociara. In particolare – hanno spiegato i dirigenti dell’associazione agricola frusinate -  l’articolo 13 del suddetto provvedimento introduce l’IMU che, per quanto riguarda gli immobili agricoli, siano essi terreni o fabbricati, stravolge la disciplina previgente, imponendo un aggravio fiscale in particolare sugli immobili utilizzati per lo svolgimento dell’attività agricola. Le singole Amministrazioni Comunali hanno la facoltà  - spiega De Cesare - di dimezzare l’aliquota prevista per i fabbricati rurali e di ridurre sensibilmente l’aliquota prevista per i terreni agricoli. L’IMU colpirà pesantemente terreni agricoli e fabbricati rurali, dalle stalle ai fienili fino ai capannoni necessari per proteggere trattori e attrezzi: in questo modo il decreto Salva-Italia andrà di fatto a tassare quelli che sono a tutti gli effetti mezzi di produzione per imprese agricole.
Da parte nostra ci è perfettamente chiara la grave situazione di difficoltà in cui versa l’intero Paese e quali siano i sacrifici imposti ai cittadini italiani, così come è evidente la necessità improcrastinabile di reperire risorse in poco tempo usando la leva patrimoniale che ricade sui beni conosciuti. Tuttavia questa nuova “ patrimoniale agricola” si abbatte pesantemente sulle imprese, poiché colpisce il “bene terra” in quanto tale, non riconoscendogli più il carattere di ruralità e la funzione di bene strumentale (ed indispensabile) all’esercizio dell’ attività di impresa”.
Anche alla luce del gravissimo disagio e dei forti danni che ha registrato l’agricoltura a causa dell’eccezionale nevicata dello scorso inizio febbraio la Coldiretti chiede di applicare virtuosamente in favore degli imprenditori agricoli la facoltà per i comuni di ridurre l’imposta, limitando al minimo l’imposizione per i fabbricati rurali e i terreni agricoli, tenendo conto della imprescindibile strumentalità del terreno su cui insiste l’impresa, della multifunzionalità della stessa, del “benessere sociale” cui essa contribuisce. “Reclamiamo una fiscalità locale a carico delle imprese agricole basata sui principi dell’equità – ha commentato De Cesare  - nella certezza che, anche in questa occasione, i Sindaci non mancheranno di agire fattivamente a sostegno del “ mondo agricolo” vera risorsa per la nostra economia, condividendo l’importanza strategica che riveste la nostra agricoltura in termini di presidio territoriale, ambientale ed alimentare.

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi