COLDIRETTI LATINA: BASTA CON LA BUROCRAZIA CHE IN MODO  PARADOSSALE PENALIZZA I PRODUTTORI
28 marzo 2014

COLDIRETTI LATINA: BASTA CON LA BUROCRAZIA CHE IN MODO PARADOSSALE PENALIZZA I PRODUTTORI

Fanno più male la burocrazia e gli atteggiamenti superficiali che gli insetti che sembrerebbe, almeno secondo le disposizioni regionali, colpiscano i produttori pontini di peperone e nel caso specifico quelli della piana di Fondi, compresi i vivaisti”. A parlare è Saverio Viola, direttore di Coldiretti Latina che aggiunge “Si dà per certa la presenza di un insetto, l’Anthonomus eugenii, una sorta di punteruolo, e si chiede di mandare al macero produzioni di tonnellate di prodotto, producendo disposizioni che appaiono  cervellotiche accompagnate da interpretazioni che sembrerebbero contraddittorie, nonchè da deroghe poco chiare e inapplicabili. Facendo  così  si rischia di metter in ginocchio un settore che a Fondi, e nella provincia di Latina più in generale, dà lavoro a migliaia di famiglie con relativo indotto generando un volume d’affari di diversi milioni di euro. Coldiretti Latina non può permettere tutto ciò e, soprattutto, non può restare inerme. Per questo chiede ufficialmente all’assessore regionale alle politiche agricole, Sonia Ricci, di farsi direttamente carico di questa problematica e fare chiarezza in tempi rapidi onde evitare di distruggere produzioni nate grazie al lavoro e al sacrificio dei produttori”. Eppure la determina assunta dall’Assessorato Regionale Agricoltura già nel dicembre dello scorso anno, parla chiaro: Vengono individuate le aree dove si sarebbe riscontrata la fitopatia, suddivise in “area focolaio” e “area tampone”, ma al contempo viene anche esplicitamente prevista una deroga, ADDIRITTURA NELLA ZONA FOCOLAIO, CHE CONSENTIREBBE ALLE AZIENDE CHE NE FACCIANO RICHIESTA e previo assenso dell’Ufficio Fitosanitario Regionale, di poter coltivare il peperone (o di poter continuare l’attività vivaistica nel settore), purchè vengano rispettate alcune prescrizioni tendenti ad evitare la diffusione dell’infestante qualora fosse presente. Ebbene, in virtù di questa deroga che, si ripete, è riportata proprio nella Determina Assessorile, le aziende hanno inoltrato la relativa domanda. La regione Lazio, a questo punto … ha rigettato le stesse in quanto al momento non ha ancora provveduto a far validare il protocollo di isolamento dal Comitato Fitosanitario Nazionale, come si legge in sostanza in un provvedimento di reiezione inviato ad un produttore. In sostanza, anzichè pensare ad eventuali azioni di monitoraggio presso i produttori che hanno chiesto la deroga, al fine di verificare la presenza , in ciascuna azienda, dell’insetto – aggiunge Viola – dal provvedimento di reiezione si evince invece che  si preferisce percorrere la strada delle disposizioni tese alla distruzione preventiva del prodotto a prescindere dalla presenza o meno del fenomeno e si paventa, tra l’altro, anche una mancanza di collegamento tra Ministero e Regione preoccupante per gli aspetti  normativi di riferimento. Insomma – conclude Viola amareggiato- l’unica soluzione è che l’assessore Ricci intervenga per fare chiarezza e dare tranquillità ai produttori che sono pronti se non interverranno fatti nuovi a scendere in piazza e  manifestare per evitare il tracollo delle proprie realtà aziendali”.  Coldiretti Latina chiede pertanto un immediato incontro con l’Assessorato competente da tenersi urgentemente a Fondi, alla presenza dell’Assessore al ramo Sonia Ricci, prima che vengano messe in atto azioni coercitive di distruzione di produzioni prima ancora di aver effettuato le necessarie verifiche. Per intanto, la Giunta Esecutiva Provinciale di Coldiretti Latina ha indetto per il prossimo 15  Aprile una manifestazione di protesta a Fondi, con conseguenti azioni eclatanti, a salvaguardia dei redditi dei produttori e dei vivaisti che operano nel settore nelle zone interessate.     

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi