COLDIRETTI ROMA: DIFFIDA AL COPROVI.
7 febbraio 2013

COLDIRETTI ROMA: DIFFIDA AL COPROVI.

La Coldiretti di Roma ha inviato, nei giorni scorsi, una diffida al Coprovi di Velletri. L’organizzazione agricola, a firma del presidente provinciale, David Granieri, ha così ritenuto far emergere la propria posizione anche a seguito di svariate sollecitazioni pervenute, non solo dalla propria base associativa, ma anche da altri soggetti che, a vario titolo, sembrerebbe anche al fine di strumentalizzazioni, avevano chiamato in causa la Coldiretti di Roma su questa vicenda.
“Credo che sia giunto il momento – ha detto Granieri – di fare chiarezza su questa vicenda che purtroppo rappresenta, per l’agricoltura romana, e in particolare per quella di Velletri, una ferita ancora aperta”. Nel testo – ha sottolineato il direttore della sede provinciale e laziale di Coldiretti, Aldo Mattia, si ripercorre la situazione della struttura e si mettono in risalto alcuni punti per i quali abbiamo chiesto chiarezza. Premesso – spiega Granieri che è anche presidente regionale di Coldiretti Lazio - che alla società Viliterna Vini, costituita in data 31/8/2011 con capitale al 100% Coprovi, è stato inopinatamente conferito lo stabilimento già Coprovi di Velletri, via Appia Sud, che la costituzione della predetta Società nonchè il conferimento del citato bene aziendale non sono stati preceduti da alcuna valida delibera societaria da parte dei competenti organi del Coprovi - si legge nella nota e che, inoltre, con delibera del settembre 2011 l'attuale dirigenza del Coprovi ha illegittimamente ingiunto all'istante ed ai soci della Vs. Società di conferire il loro prodotto vinicolo soltanto alla Viliterna Vini S.R.L. inibendo loro di consegnarlo al CO.PRO.VI.; la Coldiretti di Roma ha diffidato il CdA del Coprovi, in persona del legale rappresentante pro-tempore, a voler porre a disposizione della scrivente tutta la documentazione inerente le denunciate disfunzioni societarie, nonchè a disporre altresì quanto necessario per effettuare la regolarizzazione dei crediti vantati da diversi soci conferitori.
Tali comportamenti  - ha scritto ancora Coldiretti Roma - potrebbero concretizzare una ipotesi di illecito societario alla luce della recentissima iniziativa posta in essere dal CdA di avanzare, nel gennaio 2013, richiesta di concordato preventivo dinnanzi al Tribunale di Velletri”.

Seguici su Twitter Coldiretti Lazio

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi