COLDIRETTI VITERBO: LATTE IN POLVERE?
5 agosto 2014

COLDIRETTI VITERBO: LATTE IN POLVERE?

 
Coldiretti Viterbo ricorda il parere ormai definitivo sulle cosiddette “formule di proseguimento” riguardo il latte per bambini: da diversi anni sponsorizzate da medici e pediatri anche dopo il primo anno di vita in sostituzione del latte vaccino.
Queste formule non solo non avrebbero benefici particolari ma addirittura, potrebbero essere la causa di rischi.
Il sovradosaggio di alcuni nutrienti aggiunti è considerato infatti particolarmente critico dall’autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa).
Danni renali ed epatici sono in agguanto per i bambini “ipervitaminizzati”.
Una vera e propria svolta, che riabilita il latte vaccino. Ma anche quello di capra, nonché le proteine di soia. 
Negli ultimi decenni, tante le accuse che erano state mosse al latte di mucca: di non contenere a sufficienza determinati nutrienti importanti per la crescita (calcio, ferro), di avere un contenuto eccessivo di proteine, considerate all’origine dell’obesità infantile. Inoltre, le “formule” presentavano l’apparente vantaggio di tante, miracolose aggiunte: come gli omega 3, che si cercava di rendere “indispensabili” agli occhi delle premurose mamme, arrivando a stabilire la necessità di una integrazione alimentare tramite supplementi.
Fino alla svolta dell’anno scorso, appena riconfermata. Addirittura, Efsa dichiara che non vi è alcuna necessità di aggiungere omega 3 al latte; così come inutili sono gli oligosaccaridi, o i probiotici, il fluoro, la taurina.
Efsa inoltre stabilisce dei livelli massimi di calorie per 100 ml: i latti artificiali non devono superare le 60 kilocalorie.
I consumatori inglesi avevano recentemente attaccato proprio l’eccessivo contenuto di zucchero, non necessario, e il basso contenuto -per contro- di calcio, fondamentale per lo sviluppo degli infanti. Si è scoperto che gli zuccheri arrivano a 7,9 g/100g di prodotto in molte formule di proseguimento, mentre nel latte vaccino si fermano a 4,7g/100 g.  Circa il calcio, solo 86 mg/100 ml per latte di proseguimento, e 122 nel latte vaccino. Ovviamente le “formule” sono un business assai redditizio per chi vende il latte a prezzi pari ed almeno 10 - 15 volte rispetto a quello di base.

“Come associazione di categoria attenta alle esigenze dei consumatori e dei coltivatori ci rende orgogliosi ricordare di scegliere il latte fresco proveniente dagli allevamenti sicuri dei nostri produttori” afferma il direttore di Coldiretti Viterbo Andrea Renna. “Questa riconferma della sicurezza del latte vaccino per i bambini ci fa doppiamente piacere sia perché indirettamente valorizza il lavoro dei nostri imprenditori agricoli sia perché porta di nuovo i consumatori a scegliere i prodotti meno artificiali” ha aggiunto il Presidente di Coldiretti Viterbo Mauro Pacifici.

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi