EMERGENZA CINGHIALI: COLDIRETTI LAZIO, BENE IL PROGRAMMA OPERATIVO.  ADESSO ATTESE LE RISORSE DAL PSR
29 settembre 2015

EMERGENZA CINGHIALI: COLDIRETTI LAZIO, BENE IL PROGRAMMA OPERATIVO. ADESSO ATTESE LE RISORSE DAL PSR

All’indomani dell’approvazione da parte della Giunta regionale del Lazio del programma operativo per l’anno 2016, relativo alla tutela, gestione e controllo della fauna selvatica, nonché alla prevenzione ed indennizzo dei danni, Coldiretti Lazio ha trasformato la prevista manifestazione di oggi davanti al palazzo della Regione, in un momento di confronto e dibattito aperto ai sindaci e agli amministratori locali dei comuni più interessati al problema, organizzando un incontro al quale hanno partecipato l’assessore regionale all’Agricoltura Sonia Ricci, il Capo di Gabinetto del presidente Zingaretti, Andrea Baldanza, del direttore generale dell’Assessorato all’Agricoltura Roberto Ottaviani.
Il programma operativo dà finalmente attuazione alla legge regionale n.4/2015 che Coldiretti Lazio ha fortemente voluto attraverso un’azione di protesta e di proposta cominciata nel luglio 2013.
Le risorse previste dal programma operativo ammontano ad oltre 11 milioni di euro destinati per affrontare il problema della fauna selvatica sotto quattro punti di vista: la prevenzione, il controllo, formazione ed informazione, e l’indennizzo dei danni.
Di questi 11 milioni, circa 10 provengono dal Piano di Sviluppo Rurale (Psr) 2014-2020 per il quale Coldiretti Lazio, durante l’incontro, ha chiesto all’assessore Sonia Ricci di accelerarne i tempi di approvazione e soprattutto di attuazione.
Ogni anno, i danni causati all’agricoltura, dalla fauna selvatica, ammontano nel Lazio, a circa 3 milioni di euro, interessando centinaia di aziende agricole nei diversi territori.
“La tutela del reddito dei nostri agricoltori- ha sottolineato il presidente di Coldiretti Lazio, David Granieri, durante l’incontro- passa anche attraverso il controllo, la tutela e la gestione della fauna selvatica che continua a provocare danni nelle nostre campagne mettendo in ginocchio le imprese. Il programma operativo- ha continuato Granieri- rappresenta una prima risposta da parte della Regione ed è il risultato di una lunga battaglia condotta dalla Coldiretti Lazio la quale resterà vigile, attenta e pronta ad ogni ulteriore e necessaria azione affinché la normativa appena approvata non resti lettera morta”.
“La soddisfazione per l’approvazione del programma operativo deve trovare riscontro nel concreto stanziamento delle risorse necessarie alla realizzazione delle misure previste”, ha aggiunto il direttore di Coldiretti Lazio, Aldo Mattia.
“In particolare- ha continuato Mattia- attendiamo quanto prima l’annuncio da parte della Regione dell’approvazione del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 necessario per porre in essere le misure di prevenzione e controllo attese dagli agricoltori laziali.”

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi