PRO.LA.B. DIVENTA REALTA’.
24 giugno 2013

PRO.LA.B. DIVENTA REALTA’.

   

La distintività è la valorizzazione del prodotto laziale. La caratteristica è il ruolo preponderante dei produttori delle province laziali che, con il supporto della Coldiretti, intendono avviare una nuova fase per rendere possibile un nuovo scenario che possa portare il latte di bufala laziale a non dover subire penalizzazioni o, peggio, strumentalizzazioni, a causa di comportamenti che poco hanno a che fare con la trasparenza e la correttezza che da sempre sono qualità degli allevatori laziali che con passione e abnegazione ogni giorno, compreso le festività, dedicano corpo ed anima alle proprie realtà aziendali che danno reddito alle famiglie e ad un indotto davvero considerevole. Queste ed altre considerazioni ancora sono state portate in risalto durante la conferenza stampa che questa mattina, al termine della sottoscrizione dell’atto costitutivo di Pro.la.b. Il direttore della sede Coldiretti di Latina, Saverio Viola ed il direttore della sede ciociara, Paolo De Cesare, hanno inoltre ricordato, tramite delle slides, anche i numeri della nuova realtà produttiva. 55 imprese singole associate, 2 cooperative, 4 caseifici aziendali, oltre 300 i quintali di latte prodotti ogni giorno dai soci,110 i quintali di latte trasformato dai caseifici aderenti alla nuova O.P. con oltre 35 quintali giornalieri di mozzarella prodotta. Presidente dell’O.P. Pierluigi Benedetti Panici. Numeri significativi ed importanti – hanno aggiunto i direttori De Cesare e Viola – che rendono l’idea della grande azione di sinergia che Coldiretti ha saputo realizzare con gli allevatori delle province di Latina e Frosinone. A questi si stanno per aggiungere anche altri allevatori singoli e responsabili di strutture aziendali di primo piano. Qualche allevatore più esperto – ha detto Viola – si è commosso quando abbiamo siglato l’atto, aspettava da tempo un’azione di questo tipo per valorizzare e promuovere il latte di bufala prodotto nel Lazio. Presenti, tra gli altri, anche il presidente della Coldiretti di Latina, Carlo Crocetti, Antonio Fagiolo, direttore dell’istituto zooprofilattico di Latina, oltre, ovviamente, ad una più che discreta rappresentanza dei produttori. “Aggregare l’offerta dei prodotti agricoli, prima motivata dalla necessità di tutelare il reddito delle imprese agricole nel confronto con il mercato, e in particolare con l’industria di trasformazione e con la distribuzione, poi dall’obiettivo di creare filiera per garantire prodotti sempre più qualificati e sicuri per il consumatore. Questo lo spirito dell’organizzazione dei produttori – ha commentato Aldo Mattia, direttore della Coldiretti del Lazio, auspicando per il Lazio un modello davvero nuovo di concertazione in questo ambito. Un punto di partenza e non certo di arrivo per raggiungere traguardi fin qui solo sognati a vantaggio dei consumatori e degli allevatori che sappiano premiare e rendere più limpida l’azione nella filiera della produzione e della commercializzazione nel Lazio”. Su questa linea anche l’assessore regionale alle politiche agricole, Sonia Ricci, nelle scorse settimane aveva, più volte espresso la propria condivisione.

Seguici su Twitter Coldiretti Lazio

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi